ALCUNI ELEMENTI CHE CARATTERIZZANO LA NOSTRA SCUOLA

  1. Il CSTG opera dal 1982 e rappresenta una delle prime iniziative culturali e formative sulla Gestalt in Italia. È co-fondatore della Federazione Italiana degli istituti e Scuole di Gestalt (FISIG) e collabora con la European Association for Gestalt Therapy (EAGT) per la quale Riccardo Zerbetto (RZ) ha rappresentato l’Italia nella definizione dei “training standards” e del “code of ethics”. Nella qualità di presidente della European Association for Psychotherapy (EAP), Riccardo Zerbetto ha avviato la costituzione della EAP-Italia poi divenuta la Federazione Italiana delle Associazioni di Psicoterapia (FIAP) di cui è socio onorario.                                                     
  2. Il CSTG, nato a Siena, opera su Milano da oltre 35 come prima iniziativa in ambito gestaltico dove ha avviato una vasta rete di collegamenti istituzionali (Università Cattolica e Statale della “Bicocca” con le quali ha rapporti di convenzione su tirocini e didattica, Ordine degli Psicologi della Lombardia con il quale collabora come membro della Commissione sulla Ricerca), Servizi di salute mentale e per le dipendenze, ospedali, carceri, Comune e Regione Lombardia.                      
  3. L’orientamento è quello che si ispira alla fase più matura della esperienza professionale ed umana di Perls e cosiddetta “californiana”. Appartengono alla West Cost i Maestri che Riccardo Zerbetto ha seguito in questi 40 anni e che sono, in successione e senza discontinuità, Barrie Simmons, Isha Blumberg e Claudio Naranjo (da poco scomparso).                                                                                                                                                                                                                                                                                                       
  4. La Scuola adotta la “Teoria del sé” come fondamento epistemologico dell’approccio gestaltico, coerentemente con l’impostazione presentata nel testo teorico di riferimento “Gestat Therapy” di Perls, Goodman ed Hefferline. A questa impostazione di base, Riccardo Zerbetto integra una sua originale rielaborazione delle “funzioni di contatto” nella relazione Organismo/Ambiente su cui viene sviluppato un percorse esperienziale collaudato in oltre 30 anni di esperienza teorico-clinica e che rappresenta anche il modello di riferimento per una rivisitazione della psicopatologia in chiave gestaltica.                                                        
  5. L’indirizzo è quindi autenticamente gestaltico, anche se nella formazione professionale di Riccardo Zerbetto c’è un training quadriennale in psicoanalisi, uno completo in terapia familiare e 10 anni di formazione nella carattero-analisi reichiana che sono quindi integrati nel programma didattico della Scuola unitamente a formazioni nella PNL, EMDR e approccio relazionale di Donatella de Marinis (DDM) e approcci di derivazione cognitivista, bioenergetica, sistemico-relazionale e analitica di altri didatti della Scuola.                                                                                                                                                                                                                                                                                       
  6. Negli ultimi anni è stato integrato nel modello gestaltico quello di derivazione junghiano-hillmanniano con particolare attenzione alla psicologia archetipica.        
  7. Nell’approccio definito del “tripode delfico” viene integrata una grande attenzione alla tradizione di derivazione analitica freudiana (che dà molto valore alla ricostruzione dei condizionamenti del passato) alla prospettiva “entelechiale” dell’approccio junghiano che sottolinea la dimensione del futuro verso cui ci stiamo muovendo con quella gestaltica che sottolinea la realtà del “presente” in cui ci muoviamo.                                                                                                                                                                   
  8. Una particolare attenzione, nella prospettiva riferita, viene riservato alla dimensione del sogno come “messaggio immaginale” che, attraverso un lavoro gestaltico-esperienziale, comporta un puntuale auto-disvelamento di parti del sé scisse e che chiedono di essere integrate in un processo di più evoluta consapevolezza. Il fatto che tutte le componenti del sogno esprimono parti del sognatore viene enfatizzato sia da Perls che da Jung. Di qui la stretta integrazione tra i due modelli, con particolare riferimento all’uso della “immaginazione attiva” presentata da Jung ne’ Il Libro Rosso e sviluppata in ambito gestaltico con ampio uso della drammatizzazione come occasione di percorso esperienziale e non interpretativo al contenuto onirico.                                                                                                                
  9. Nella impostazione umanistico-esistenziale della Scuola è rilevante lo spazio riconosciuto alle “scienze umane” come la filosofia, la mitologia, la letteratura e l’arte in generale. Tale componente si esprime in viaggi annuali di studio in Grecia e Medio oriente (19 “Periegesi” sino ad ora essendo saltata la 20a per il Covid), in Sicilia in occasione della rappresentazione delle tragedie a Siracusa. In occasione di tali viaggi sono state organizzate giornate di studio a Naxos su Arianna (i cui atti sono pubblicati da Alpes ), a Cipro e Citera su Afrodite, a Siracusa su Oreste e Medea ed è in programma quello su Orfeo in Tracia.                                                         
  10. Numerose sono le collaborazioni professionali e culturali. Fra queste, oltre alle già riferite FISIG, FIAP e EAP, la Fondazione Claudio Naranjo, la Associazione spagnola di Terapia della Gestalt (di cui  RZ è socio onorario), la Accademia di Gestalt del Messico, la Associazione di Psicologia e letteratura di Aldo Carotenuto sulla cui rivista  RZ ha pubblicato numerosi articoli, la Scuola superiore di Pratiche Filosofiche (Philo), il Centro di antropologia Culturale e Mondo Antico dell’Università di Siena etc. Oltre a collaborazioni con la Università di Siena (presso la quale RZ ha avuto incarichi di insegnamento nella psicopatologia e psichiatria dell’adolescente), con Milano-Bicocca e Cattolica per convenzioni sulla didattica nella psicoterapia e promozione di convegni.                                                            
  11. Il CSTG pubblica una Rivista scientifica (ISSN 2531-7318)  Monografie di Gestalt/Gestalt Monographies, rivista quadrimestrale di psicoterapia tra scienza ed arte collegata alla Fedreazione Italiana delle Associazioni di Psicoterapia (FIAP) oltre a pubblicare una Newsletter bimestrale di circa 25 pagine. Partecipa inoltre a riviste scientifiche come i Quaderni di Gestalt, l’Iternational Journal of Psychotherapy (di cui RZ è parimenti membro dello Advisory Board).                                                       
  12. Componenti strutturali del percorso formativo sono: l’attenzione al lavoro corporeo (con elementi di carattero-analisi reichiana, bioenergetica, shiatzu e Qi gong), alle pratiche meditative (tradizionali come il vipassana e lo zen, ma anche dinamiche di derivazione sufi, del mondo sannyasin e delle social meditations) e ai processi artistico-creativi (drammaterapia, musica, poesia, arti grafiche e fotografia, etc) sui quali ha promosso con il Museo di Arte moderna-MART di Rovereto il Convegno su Gestalt Art nel novembre 2020.                                                                                                                                                                                                                                                                    
  13. I due didatti ordinari della sede di Miano (Riccardo Zerbetto e Donatella De Marinis) svolgono complessivamente circa 150 delle 400 ore previste per la didattica per ogni corso. Questo al fine di poter garantire una effettiva “formazione personalizzata” per processo di crescita personale e professionale. Per la sede di Siena (approvata dal MIUR nel maggio 2015), collabora il didatta ordinario Rosalba Raffagnino.                                                                                                                                                
  14. La nostra scuola offre in modo “trasparente e responsabile” anche corsi formazione nelle “Relazioni di aiuto” tra cui il counseling facendo anche parte del Coordinamento Italiano delle Associazioni nelle Relazioni di Aiuto (CIPRA) del quale RZ è consulente scientifico con Paolo Migone, co-direttore di Psicoterapia e Scienze umane. Riteniamo infatti che in alcuni ambiti – scolastico, delle dipendenze e della salutogenesi – tali professioni possono utilmente collaborare ed integrarsi anziché essere messe in contrapposizione.                                                                                                                                                                                                                   
  15. Lo sviluppo nel campo delle dipendenze raccolto in 40 anni di esperienza diretta,  mette la Scuola in condizione di offrire possibilità di  tirocinio ed anche di inserimento lavorativo ad ex-allievi in questo ambito ed in particolare in quello delle dipendenze “comportamentali” (gioco d’azzardo, net-addiction, dipendenze affettive e sessuali etc) nel quale ha raccolto una esperienza di avanguardia in Italia (vedi www.orthos.biz e pubblicazioni e congressi recenti sul tema tra cui “Dipendenze: quella affettiva e tutte le altre” tenutasi presso l’Università “La Bicocca” ed i cui atti sono in corso di stampa).                                                                                                 
  16. Il CSTG ha sviluppato anche competenze nel caso della problematica adolescenziale, coordinando un Progetto europeo sulla prevenzione della violenza tra i giovani (progetto ENTRY), sul tema dei disturbi alimentari (Programma Corpo e Immagine), della psicologia e counseling scolastici, della Psicologia degli Enneatipi, dei diritti umani (con iniziative a sostegno del popolo tibetano, vedi www.worldactiontibet.org e kurdo) etc.                                                                                                   
  17. RZ coordina per la FIAP la Commissione per l’avvio di un Registro Italiano degli psicoterapeuti che raccoglierà l’elenco degli ex-allievi che si sono specializzati in questi anni presso la Scuola.                                                                                                                                                                                                                                                                                                      
  18. Lo staff didattico del CSTG si avvale di professionisti di comprovata esperienza nella psicoterapia sia in ambito ed in particolare che in altri orientamenti al fine di fornire una panoramica che si allarga anche su altre metodologie di lavoro. Si stanno ora inserendo, come co-didatti una generazione di giovani professionisti formatisi nella Scuola e riconosciuti dalla FISIG grazie ad una Commissione di cui RZ è coordinatore.                                                                                                           
  19. Il CSTG promuove annualmente Convegni, Giornate di studio con invito di visiting professors che compaiono nella sezione “eventi” del sito e due Giornate annuali sulla ricerca con presentazione di esperienze innovative nella ricerca clinica con presentazione di “lezioni magistrali” da parte di Colleghi che hanno sviluppato particolari competenze e nelle quali vengono successivamente presentate e discusse le tesi di fine corso (in psicoterapia come anche nel counseling) come occasioni di crescita della Learning Community della Scuola. Tra gli invitati: Claudio Naranjo, Serge Ginger, Ken Evans, Erving Polster, Suzy Stroke, Vicens Olivè, Umberto Galimberti, Romano Madera, Paolo Mottana, Giorgio Antonelli etc.                                                                                                                                                                                 
  20. Il CSTG dispone di una sede per le attività residenziali nella campagna senese dove si svolgono i programmi estivi per la durata di una settimana e che affrontano una full immersion nelle tematiche. Il contatto e le funzioni del séIl lavoro con le figure genitorialiGestalt Bodywork e Le forme dell’amore. Grazie al favorevole contesto naturalistico viene data ampia possibilità di espressione ad attività di tipo corporeo, meditativo, catartico ed artistico. La struttura resta disponibile nel corso dell’anno per lo svolgimento del programma Orthos sulle dipendenze comportamentali, come sede per studio e per workshops monotematici secondo un calendario consultabile su www.nocetonocetiamo.it.

Per la sede di Siena si prevedono 6 moduli di 4 giorni l’uno con cadenza bimensile

Alle giornate di frequenza curricolare si sommano due convegni e due-tre giornate di studio all’anno. La terapia individuale e di gruppo, oltre alla frequenza al tirocinio, può svolgersi presso il luogo di residenza allorchè si presentino le condizioni favorevoli al processo formativo personalizzato.

Viene fornita ampia documentazione con metodologia FAD.

L’ospitalità, se richiesta, non comporta un costo aggiuntivo, salvo le spese vive.

La deadline per l’iscrizione al Corso è fissata per il 20 febbraio. Per il costo ed altre info si rimanda al sito. La scontistica tiene conto della provenienza fuori-regione e del reddito.

Tra le pubblicazioni: Zerbetto R. Gestalt. Terapia della consapevolezza, Milano, Xenia Edizioni, con M. Croce (2002) Il gioco e l’azzardo, Franco Angeli Ed., Fondamenti comuni e diversità di approccio in psicoterapia FrancoAngeli, Perls e Jung, Giornale storico Centro studi di Psicologia e Letteratura n 12 oltre a 130 articoli su temi di psichiatria, psicoterapia, dipendenze e mito di cui alcuni consultabili al sito www.riccardozerbetto.it.