Galleria di Brunella Di Giacinto

I volti … ed oltre
Non è facile passare davanti ad un volto ritratto da Brunella … e non restarne catturati. Al di là del tratto limpido, quasi dotato di luce propria, al di là delle segrete rispondenze che i colori intessono nel loro silenzioso dialogo, c’è un qualcosa che invita ad entrare, ad andare oltre la dimensione fenomenica di ciò che appare. Mi sono spesso chiesto quale sia quell’elemento inafferrabile che fa la differenza tra un volto senz’anima, da uno che la traspira. Forse è ciò che distingue un corpo senza vita da un corpo vivente, che respira, che ha … anima, appunto. Gli elementi costitutivi sono gli stessi, ma c’è un quid che li configura trascendendoli e a cui, non a caso Platone ha attribuito il senso della trascendenza. Ma quel “fare anima”, per riprendere un’espressione cara a James Hillman non implica un andare oltre dimenticando la materia da cui nasce. E’ come illuminarla di un riflesso che la fa essere se stessa. Un qualcosa che è più della somma dei suoi elementi costitutivi, come si dice della gestalt, un indirizzo nelle discipline della percezione e del potenziale umano nella quale ho avuto la fortuna di essere partecipe nel percorso formativo di Brunella. Il mio non può essere quindi un giudizio del tutto obiettivo – se pure può aver senso una tale attitudine in una operazione che non può che intrigarci appieno nella nostra soggettività – e non sono neppure un critico d’arte. Sono uno che, come tanti, si sente attratto – a volte con forza, quasi con ineluttabilità – ad entrare in quell’oltre, in quella quiddità che ha il sapore dell’anima dei volti che Brunella ci offre.
E’ uno sguardo assorto, una sospensione della coscienza tra un mondo di fuori ed un mondo di dentro, un ripiegarsi dell’anima sull’emozione allo stato ancora indistinto, un affacciarsi a spazi di silenzio dove il respiro sembra fermarsi, un interrompere il fluire del quotidiano per afferrare il sapore dell’esser-ci … un gesto inconsapevolmente meditativo che Brunella sa cogliere nella  misura in cui, probabilmente, sa anche contagiare il suo personaggio del suo stato d’animo … attento a coglierne la natura più intima e che solo si rivela nel silenzio dell’ascolto, anche visivo.
Dove Brunella abbia trovato questa retina acchiappaanime – un po’ come quelle dei bambini pellerossa per acchiappare i sogni – non sono riuscito a farmelo dire. Forse … non lo sa neppure lei.
Riccardo Zerbetto

avatar-testimonial-courses

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Aliquam accumsan est at tincidunt luctus. Duis nisl dui, accumsan eu hendrerit sit amet, rutrum efficitur lacus.

Amy Adams
Creative Student

Over 12,000
5 Star Ratings

5-stars-white

Rated 5/5 by 12,000 Students

Leave A Comment

Related Posts