co2015-83625012Il corso di counseling del CSTG è riconosciuto  da Assocounseling Associazione Professionale di Categoria (codice riconoscimento CERT-0013-2009).assocounseling
È un corso triennale ad orientamento gestaltico.

 

La metodologia d’insegnamento è teorico-esperienziale, e quindi propone un insegnamento attivo, con approfondimento sulle capacità di ascolto e di comunicazione intersoggettiva ed elaborazione dei nuclei conflittuali irrisolti attraverso il lavoro personale.

download Brochure corso counseling

 

 

[accordion]
[pane title=”CHIEDI INFORMAZIONI”]
[contact-form-7 404 "Not Found"]
[/pane]
[pane title=”OBIETTIVI”]
Il corso si propone di sviluppare:

  • le capacità relazionali, di ascolto e di comunicazione, attraverso le quali instaurare una relazione d’aiuto o di sostegno professionale;
  • la capacità di gestire il disagio esistenziale, emotivo o interpersonale;
  • la consapevolezza sensoriale, emozionale, cognitiva e di relazione;
  • il contatto, la crescita e l’espressività del sé autentico.

[/pane]
[pane title=”STRUTTURA”]
Il corso prevede un triennio di formazione teorico-esperienziale per complessive 765 ore, con calendario variabile a seconda dell’anno accademico.
I corsi si tengono, di norma, durante 8 week-end distribuiti nell’anno, più un incontro residenziale intensivo di cinque giorni.
Durata espressa in anni: 3
Durata espressa in ore: 765

Percorso personale
Il CSTG adotta un percorso personale in modalità mista:

Incontri individuali
(25 ore) con counselor trainer e/o psicoterapeuti di orientamento gestaltico (Counselor Trainer: Sara Bergomi. Psicoterapeuti: Edward Callus, Ilaria Corti, Andrea Fianco, Anna Fanetti, Anna Persico, Filippo Petrogalli, Ilaria Veronesi).

Incontri di gruppo (50 ore) con counselor trainer e/o psicoterapeuti di orientamento gestaltico (Sara Bergomi, Edward Callus, Donatella de Marinis, Filippo Petrogalli, Riccardo Zerbetto).

Assenze
Durante l’anno in corso l’allievo può essere assente giustificato per il 10 % delle ore. In caso di assenza dovrà informare il suo tutor di riferimento. L’allievo può recuperare le lezioni mancanti sullo stesso tema l’anno successivo.

Materiale didattico

Esiste una bibliografia essenziale del corso organizzata per le diverse annualità, arricchita ad ogni lezione da ulteriori indicazioni bibliografiche sull’argomento specifico. Per buona parte degli argomenti sono fornite, inoltre, dispense a cura dei docenti. Sono inoltre a disposizione di allievi e docenti materiali tecnici e creativi (colori, strumenti musicali, impianto hi-fi, computer ecc.) che sono utili per le lezioni.

[/pane]
[pane title=”ESAMI”]

Il processo formativo personale/didattico di ciascun allievo si conclude alla fine del III anno ma viene seguito ogni anno attraverso verifiche (esame scritto che prevede la risposta discorsiva a domande sulla epistemologia del modello formativo) e la valutazione del lavoro personale e del tirocinio.

Durante l’anno scolastico e per tutti e tre gli anni, l’allievo dovrà preparare e presentare relazioni scritte e orali su libri proposti dai Didatti; le relazioni scritte, esposte in aula, contribuiscono alla valutazione per accedere all’anno successivo.

Al termine del terzo anno si dovrà invece presentare una relazione su un caso seguito dall’allievo nella sua attività di tirocinio e superare una verifica teorico/pratica sugli insegnamenti ricevuti.

L’ottenimento del diploma di counselor dipenderà da una valutazione che terrà conto degli esami, del percorso di crescita e della discussione della tesi .

[/pane]
[pane title=”COME ISCRIVERSI”]

REQUISITI

Il corso è rivolto a coloro che:

  • Hanno conseguito il Diploma di Scuola Media Superiore quinquennale o titolo estero equipollente
  • E hanno compiuto almeno i 23 anni di età

PROCEDURA

Per iscriversi occorre prendere contatto con la scuola (scrivendo a segreteria@vecchio.cstg.it) e chiedere un colloquio.
I Colloqui sono gratuiti e obbligatori, attraverso essi infatti vengono valutate le motivazioni personali e professionali della richiesta.
Nel caso in cui il colloquio vada a buon fine, l’allievo sarà ammesso al corso di counseling.
Il Massimo degli allievi iscrivibili: 30.

[/pane]
[pane title=”DOCUMENTI RILASCIATI ALLA FINE DEL PERCORSO”]

Alla fine del percorso formativo, espletato tutto quanto richiesto, la struttura rilascia all’allievo:

  1. diploma di counseling ad orientamento gestaltico in cui sia evidenziato il riconoscimento di AssoCounseling con apposizione dello specifico logo, relativo al riconoscimento
  2. certificato contenente nel dettaglio le ore teoriche effettuate e il relativo monte ore, nonché le attività esperienziali svolte e il relativo monte ore con apposizione dello specifico logo relativo al riconoscimento.

[/pane]
[pane title=”PROGRAMMA SINTETICO E MATERIE DI INSEGNAMENTO”]

Materie aspecifiche

  • Elementi di Psicologia Generale Teoria della percezione: modello gestaltico ed altri. La relazione d’aiuto secondo gli ultimi studi sulle neuroscienze: aspetti cognitivi, corporei, emozionali e relazionali.
  • Elementi di Psicologia Sociale Dall’autosostegno individuale al rapporto dialogico IO/TU. Le relazioni all’interno della famiglia, del gruppo e della società. Assunzione di responsabilità e consapevolezza socio-politica dell’individuo.
  • Elementi di Psicologia dello SviluppoModalità e crisi nei passaggi del ciclo di vita. Nascita, adolescenza, maternità, adultità, lutto/separazione: caratteristiche e gestione della crisi.
  • Elementi di Psicologia DinamicaLa dinamica Edipica e il rapporto con le figure genitoriali. Elementi transferali e controtransferali nelle relazioni. Disturbi di personalità.
  • Elementi di Psicologia dei GruppiCenni di storia della psicologia dei gruppi. Il lavoro personale “in gruppo e di gruppo.” Dinamiche e rispecchiamenti all’interno del gruppo. Caratteristiche peculiari dei gruppi gestaltici. Gruppo struttura e gruppo comunitas: differenze.
  • Teoria e Tecnica della ComunicazionePrincipi di teoria della comunicazione. Attenzione alla comunicazione non verbale e ai microsegnali corporei. Linguaggio espressivo delle emozioni, l’ascolto attivo. La drammatizzazione come strumento di comunicazione.

Materie specifiche

  • Elementi di CounselingElementi costitutivi del colloquio di counseling. Postura del counselor. Empatia, ascolto, autenticità, non giudizio. Struttura base dell’incontro di counseling; setting e contratto.
  • Storia del CounselingPosizionamento del counseling gestaltico nell’alveo degli orientamenti umanistici. Elementi di distinzione tra psicoterapia e counseling: diverse origini ed esperienze.
  • Etica e Deontologia ProfessionaleDefinizione dei confini della relazione di counseling. Distinzione e collaborazione con professioni limitrofe nella cura della persona. Requisiti di privacy e di definizione del contratto. Codice deontologico di AssoCounseling.
  • Fondamenti Teorici Metodologici dell’Approccio GestalticoViene inquadrato nella storia del pensiero la nascita e la prima strutturazione del pensiero gestaltico ed i suoi elementi essenziali, in relazione alla psicanalisi ed alle diverse radici filosofiche da cui ha tratto ispirazione.
  • Elementi di Counseling a Mediazione Corporea.Esperienze di lavoro corporeo sulla respirazione, la parte pulsionale, utilizzando anche la meditazione dinamica. Musiche tratte dalle meditazioni dinamiche di Osho. Appunti tratti da esperienze di Shiatsu sulla consapevolezza corporea.
  • Cenni sull’EnneagrammaElementi base per l’autoriconoscimento in questo antico sistema tipologico, molto utilizzato in tutto il mondo in ambito privato ed aziendale. Lavoro individuale in gruppo sulle proprie caratteristiche personali.
  • Elementi di Counseling a Mediazione Artistica.Il paradigma della creazione artistica come adattamento creativo e trasformativo della realtà. Criteri artistici come valutativi della relazione. Esplorazione della funzione narrativa nello sviluppo dell’individuo e nella storia culturale della specie. Differenze tra trasmissione orale della cultura e trasmissione attraverso la scrittura. Approccio gestaltico alla narrazione nel counseling.
  • Modello Umanistico – Archetipico ed AntropologicoInterazione tra elementi della teoria junghiana ed hillmaniana con la Gestalt. Considerazioni e scenari teorici ed originali esperimenti basati sulla considerazione che “il mito non significa, il mito opera” (U. Galimberti). Visione gestaltica della molteplicità delle parti del sé, già presente fin dalle origini dell’approccio, ma sintetizzata particolarmente da Erving Polster. Tradizioni culturali e visione antropologica di questa concezione e suo sviluppo nella storia. Lavoro originale esperienziale sul tema.
  • Cenni sul Counseling AziendaleCaratteristiche delle organizzazioni. Dinamiche conflittuali in ambito aziendale. Creazione di un team di lavoro funzionale. Counselor come consulente esterno o come figura interna.
  • Approfondimento sulle Figure GenitorialiUna sintesi originale del classico lavoro terapeutico sugli introietti relativi ai rapporti con i genitori, che comporta una elaborazione distinta degli aspetti negativi e dolorosi del vissuto, con relativa catarsi attraverso una energica mise-en-action, ed un successivo recupero cognitivo-emozionale delle eredità positive e dei valori trasmessi.

[/pane]
[pane title=”SEDI”]

Il corso di counseling può essere svolto  nelle seguenti sedi:

  • SEDE DIDATTICA DI MILANOVia Saverio Mercadante, 8 – 20124 Milano
    Tel 0229408785 Fax 0283420816    email: segreteria@vecchio.cstg.it
  • SEDE DIDATTICA DI BOLZANO   Via Verona 12/a  –  39100 Bolzano   tel – 338/2516620   email: cstgbolzano@gmail.com
  • SEDE DIDATTICA DI BERGAMO Via Sylva Guido 5, Bergamo   tel – 3393061518  email: cstgbergamo@gmail.com
  • SEDE DIDATTICA DI VARESE Via Indipendenza 3B, Varese   tel – 3276722634 – 3385843450  email: cstgvarese@gmail.com
  • SEDE DEI SEMINARI RESIDENZIALI

    SIENA  Loc. Noceto, Via di Grotti-Bagnaia 1216
    53010 Monteroni d’Arbia (SI)

[/pane]
[pane title=”LETTURE CONSIGLIATE”]

Introduzione al Counseling – di Riccardo Zerbetto
iconPDF Leggi l’articolo

Bibliografia consigilata per il counseling
iconPDF Sarica il file con le indicazioni bibliografiche

Professione counseling: individuo, azienda, società

A cura di Donatella De Marinis e Giovanni Montani Atti del convegno S.i.co. Lombardia Il Veltro editore

[/pane]
[/accordion]